I trattamenti laser per la rimozione dei tatuaggi: cancellare senza danneggiare

laser rimozione tatuaggi bologna

Laser Studio esegue trattamenti laser per la rimozione dei tatuaggi in ogni parte del corpo. Grazie all’impiego di laser di ultima generazione i risultati dei trattamenti risultano qualitativamente elevati e decisamente minimizzati i danni alla cute. Laser studio impiega il Laser Q SWITCHES per questa tipologia di trattamento.

Quando per qualsiasi ragione s’intende cancellare un tatuaggio permanente, si sottopone inevitabilmente la pelle a un trattamento traumatico. I metodi tradizionali per la rimozione dei tatuaggi hanno visto a partire dagli anni ’80 l’introduzione di trattamenti laser.  Tuttavia per diversi anni questo tipo di apparecchiature hanno presentato il limite di cicatrici permanenti sull’area trattata.

Le più recenti applicazioni tecnologiche consentono con Laser Q SWITCHES  l’utilizzo di un’apparecchiatura dalle prestazioni  di gran lunga superiori.  L’ impulso laser emesso per alcuni nanosecondi colpisce e distrugge esclusivamente  le cellule contenenti i pigmenti di colore. L’azione del laser provoca la frammentazione dei pigmenti che nel corso dei giorni vengono espulsi grazie ai naturali processi di fagocitosi.

Ripetuti interventi a distanza ravvicinata portano alla progressiva naturale rimozione del tatuaggio. L’emissione a scelta di quattro differenti lunghezze d’onda permettono l’intervento su differenti colorazioni sebbene non tutte le tonalità possano essere trattate con gli stessi esiti.

Quanti trattamenti laser per la rimozione dei tatuaggi?

È difficile prevedere il numero di sedute necessarie a completare il processo di rimozione del tatuaggio, strettamente legato alla complessità dell’intervento. In linea di massima possiamo considerare una media di  8/10 sedute  intervallate le une dalle altre da circa 30 giorni.

I tatuaggi più semplici da eliminare sono quelli eseguiti da più tempo, poiché la pelle ha già naturalmente eliminato una parte dei pigmenti, mentre i più recenti e quelli eseguiti in centri specializzati, sono i più complessi da rimuovere.

Al termine del trattamento in molti casi rimane quello che in gergo è definito il fantasma del tatuaggio, vale a dire un’ombra in corrispondenza del disegno originario.  Questo alone scompare dopo qualche tempo.

Controindicazione al trattamento laser

È opportuno non sottoporsi a questo tipo di trattamento quando:

  • il soggetto presenta infezioni cutanee
  • durante la stagione estiva
  • in presenza di tatuaggi cosmetici rosa, marrone o arancio. Queste tinte contengono facilmente ossido di titanio e zinco e sottoposte a laser si anneriscono.

Richiedi disponibilità